Gestione tassa di soggiorno

Nel diritto italiano l’imposta di soggiorno, detta anche tassa di soggiorno, è un’imposta di carattere locale applicata a carico delle persone che alloggiano nelle strutture ricettive di territori classificati come località turistica o città d’arte. La tassa, abolita nel 1991, è stata reintrodotta nella legislazione italiana nel 2011. Gli introiti di questa tassa sono destinati a finanziare interventi in materia di turismo e recupero di beni culturali e ambientali. Da oggi anche il gestionale Hotelpedia supporta in fase di checkout l’aggiunta dell’imposta di soggiorno all’importo totale.

Innanzitutto bisogna abilitare nella linguetta fatture delle impostazioni la gestione dell’imposta di soggiorno e specificare di quanti euro a persona al giorno è costituita.

Facendo questo, in fase di checkout l’importo verrà moltiplicato per il numero di componenti della camera e per i giorni di permanenza.

L’imposta di soggiorno è sempre esente dall’applicazione dell’Iva. La somma per l’imposta nella fattura verrà inserita fuori dal campo Iva, oppure fare una ricevuta a parte utilizzando l’apposito blocco fornito in dotazione dal Comune.

Se un soggetto è in day use o è esente per qualche motivo dall’imposta di soggiorno, è sufficiente spuntare il flag tassa di soggiorno in fase di checkout e RI cliccare sul tasto elabora per ricalcolare l’importo totale del soggiorno.

Autore: micropedia

Azienda informatica che sviluppa software personalizzato siti web portali e commerce per le piccole e medie imprese su territorio nazionale. Siamo anche una web agency e ci occupiamo di realizzazione loghi aziendali comunicazione e consulenza SEO e SEM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *